3 giorni

Il dipinto di Nicolò Rondinelli San Giovanni Evangelista appare a Galla Placidia, proveniente dai depositi della Pinacoteca di Brera di Milano, è tornato al Museo Nazionale di Ravenna

L’opera è stata accolta al suo arrivo dal Direttore Regionale Musei Emilia-Romagna Giorgio Cozzolino, dalla Direttrice del Museo Nazionale di Ravenna Emanuela Fiori e dal Sindaco della città Michele De Pascale. La pala, realizzata per la Basilica di San Giovanni Evangelista, celebra un miracolo legato alla consacrazione della Chiesa, avvenuta all’epoca di Galla Placidia.
L’episodio, raffigurato più volte in ambito ravennate, trova la più alta espressione per mano di Nicolò Rondinelli, formatosi a Venezia nella bottega di Giovanni Bellini. Le figure solenni e piene di grazia dell’augusta e dell’evangelista Giovanni, la raffinata quinta architettonica e la ricerca cromatica fanno dell’opera una dei più alti esiti della pittura romagnola fra ‘400 e ‘500.
La tavola troverà collocazione, al termine di un nuovo allestimento, al primo piano del Complesso Monastico di San Vitale, nelle Sale prospicienti il grande dormitorio, dove sono esposte altre opere provenienti dalla Chiesa di San Giovanni Evangelista, fra cui le lunette cinquecentesche con le Storie di Galla Placidia, affrescate da Francesco Longhi.
Il dipinto custodito al Museo Nazionale di Ravenna segue le altre quattro opere arrivate nei giorni scorsi nella città di Ferrara, nell’ambito del progetto voluto dal Ministro Franceschini 100 opere tornano a casa per valorizzare il Patrimonio storico-artistico ed archeologico italiano, conservato nei depositi dei luoghi d’arte statali e per promuovere i Musei più piccoli, periferici e meno frequentati.

Questo slideshow richiede JavaScript.