Anche Rende aderisce alla Giornata contro l’omofobia

Con l’iniziativa ‘Qui non c’è posto per parole d’odio’, flashmob promosso dall’Assessorato ai Diritti civili e Pari Opportunità dinanzi la casa Municipale di Piazza Borromeo

L’IDAHOTB, acronimo che sta per International Day against homophobia, transphobia and biphobia, costituisce «una data particolarmente significativa nel processo storico che ha condotto il tema del rispetto dei diritti umani e fondamentali della persona, della realizzazione dell’eguaglianza sostanziale di opportunità per tutti e della rimozione di tutte le forme di discriminazione, comprese quelle basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere», ha affermato il Sindaco Marcello Manna.

Rende, oltretutto, fa parte di RE.A.DY, la rete nazionale di Comuni, Province, Regioni e Organismi di parità impegnati nel superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. «La Giornata Internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia – ha aggiunto l’Assessore Lia Sorrentinoricorre nel giorno in cui in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la World Health Organization, nel 1990, ha cancellato l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali, riconoscendola come una variante naturale del comportamento sessuale umano».

Una data, dunque, particolarmente significativa nel processo storico che ha condotto al centro dell’attenzione delle Organizzazioni Internazionali e degli Stati, in tutte le loro articolazioni amministrative centrali e locali, il tema del rispetto dei Diritti Umani e Fondamentali della persona. «Riteniamo che attraverso le parole si comunichi e si contribuisca a disegnare una specifica rappresentazione del mondo. Rende rifugge da ogni sentimento di odio» ha, infine concluso la Sorrentino.