Cresce l’attesa per il monitoraggio dell’ISS per definire la nuova mappa dei colori delle regioni

Da Lunedì 26 Aprile molti cambiamenti si annunciano in merito alle possibili riaperture su tutto il territorio nazionale, ma ciò dipenderà dal colere di appartenenza di ogni singola regione. Intanto, la Ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini ha dichiarato: «Penso che forse oltre 11 regioni passeranno al giallo»

Alla zona gialla, infatti, possono ambire la Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Veneto e le Province autonome di Trento e di Bolzano. Per la Calabria, invece, persistono ancora molti dubbi per cui, insieme a Sicilia, Basilicata e Molise, dovrebbe restare in zona arancione.

La Gelmini si è, però, affrettata a ribadire che in Italia «c’è una riduzione del numero dei contagi, dell’occupazione dei letti nelle terapie intensive, che l’RT è stabilmente sotto l’1, ma non è un liberi tutti perché abbiamo già commesso degli errori in passato in buona fede e siamo passati da un’ondata all’altra e questa volta non dobbiamo sbagliare».

Mentre, per quanto riguarda la campagna vaccinale c’è da evidenziare che al momento, almeno secondo i dati aggiornati alle 7:30 di questa mattina 22 Aprile, nel Paese sono state somministrate 15.894.532 dosi di vaccino, un terzo delle quali (5.348.879) agli over 80.