Dal 26 Aprile riaprono Teatri, Cinema e Sale da concerto all’aperto e al chiuso

Il Ministero della Cultura rende noto che il Comitato Tecnico Scientifico ha accolto le proposte del Ministro Franceschini per il riavvio delle attività legate al mondo dello Spettacolo

La riapertura riguarderà le zone gialle per eventi sia all’aperto che al chiuso, con l’aumento del pubblico ammissibile. Si passerà così dal 25% al 50% dei posti occupabili in Sala, con un innalzamento ad un massimo di 500 spettatori, prima erano 200, nelle Sale al chiuso e di 1.000 spettatori, prima erano 400, in quelle all’aperto.

Il pubblico, gli artisti e il personale dovranno naturalmente rispettare tutte le misure di sicurezza previste dai Protocolli. Il Comitato Tecnico Scientifico, inoltre, come chiesto dal Ministero, ha ammesso la possibilità che le Regioni autorizzino spettacoli ed eventi, con un numero superiore di spettatori, adottando contestualmente misure di sicurezza aggiuntive.

Si tratta di un’importante boccata d’ossigeno per un Settore ormai in grandi difficoltà. Da oltre un anno, infatti, milioni di operatori impegnati nel mondo dello Spettacolo non riescono neanche a sbarcare il lunario a causa di una terribile pandemia che ha reso impraticabili i luoghi di rappresentazione degli eventi. Artisti e maestranze, oltretutto, solo a stento hanno ricevuto gli aiuti di Stato, ma lo loro esigenza prioritaria è, sicuramente, quella di poter lavorare esprimendo in pieno la loro arte.