‘I Borghi Animati’ un viaggio digitale per promuovere il turismo di prossimità

«L’Italia come non l’avresti mai immaginata» il contest lanciato dal Ministero della Cultura attraverso una modalità di racconto digitale  che, attraverso opere statiche e animate, proporrà percorsi inediti durante tutta l’estate

Creature e tesori misteriosi, spiriti arcani e folletti ci conducono lungo un viaggio fantastico alla scoperta dei nostri borghi più caratteristici: dalla lucana Acerenza, nella cui cattedrale, secondo un’antica leggenda, sarebbero custoditi il Sacro Graal e le spoglie della figlia di Dracula, ad Acitrezza, il piccolo borgo di pescatori siciliano, dove Polifemo, innamorato di Galatea e accecato dall’ira, lancia un grosso masso contro il pastore rivale in amore.

Fino ad arrivare  ad Argegna, sulle sponde del Lago di Como, dove sono in molti a giurare di aver visto nuotare e inabissarsi nelle acque del lago il Lariosauro, un enorme rettile coperto di squame rosse. E c’è anche la Calabria con la la cittadina di Squillace che può addirittura vantare la sua fondazione per mano dell’arguto Odisseo.

«Anche in questa estate, come nella scorsa, stiamo assistendo a una forte voglia di viaggiare nei luoghi meno conosciuti d’Italia, nelle aree interne e nei borghi. Il ministero promuove queste forme di turismo culturale di prossimità anche attraverso un progetto che vede protagonisti gli artisti» ha dichiarato il Ministro Franceschini, ricordando che «i borghi sono una risorsa fondamentale per il Paese».