Il Comune di Cosenza conferisce la cittadinanza onoraria al Generale Figliuolo

Il Consiglio comunale ha deliberato il provvedimento all’unanimità conferendo la cittadinanza onoraria anche agli altri Ufficiali dell’Esercito che hanno contribuito all’allestimento e al funzionamento dell’Ospedale militare da campo e del Centro vaccinale cittadino

Il Consiglio comunale riunitosi in mattinata nella Sala delle Adunanze di Palazzo dei Bruzi, ha deliberato il conferimento della cittadinanza onoraria al Generale Francesco Paolo Figliuolo, al Generale Antonio Battistini, Capo della Sanità militare dell’Esercito, al Colonnello Alfonso Zizza, al Colonnello Michele Tirico e al Tenente Colonnello Michele Ricci.

Nella motivazione della delibera si legge: «per aver, ciascuno per la propria parte, dato un prezioso e decisivo contributo all’azione di contrasto all’emergenza sanitaria causata dalla pandemia, concorrendo alla realizzazione della struttura ospedaliera campale allestita nell’Area della Stazione ferroviaria di Vaglio Lise, mettendola a disposizione della Comunità cosentina, ma anche di tutta la provincia di Cosenza», estendendo gratitudine e riconoscenza a tutto il personale sanitario militare che ha operato nella struttura.

In apertura di seduta ha preso la parola il Sindaco Mario Occhiuto, il quale ha ribadito: «Questo riconoscimento è particolarmente importante per la città, perché intende esprimere profonda gratitudine a coloro che hanno consentito, scegliendo Cosenza, anziché altre località che pure avevano fatto richiesta, di dare un significativo supporto all’Ospedale dell’Annunziata e al territorio della provincia per far fronte alla situazione di assoluta emergenza».

«In un luogo prima abbandonato – ha, poi, concluso il primo cittadino – è stato allestito uno dei campi militari meglio attrezzati d’Italia, dotato anche di un laboratorio per la processazione dei tamponi. La struttura campale si è rivelata, oltretutto, molto utile quando è stato riconvertito in Centro vaccinale».