Il Ministro Lamorgese chiede all’Europa un nuovo patto per l’immigrazione e l’asilo

Per il Governo italiano, l’Europa deve farsi garante della redistribuzione dei migranti sul territorio degli Stati

«L’Italia apprezza l’intenso impegno messo in campo anche dalla presidenza di turno portoghese lungo il cammino negoziale che, partendo dalla proposta della Commissione, deve portare al più presto l’Europa alla definizione di un nuovo patto per l’immigrazione e l’asilo».

Lo ha detto il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, al termine del Consiglio informale degli Affari Interni, il primo del semestre a presidenza portoghese, che si è svolto in videoconferenza. «Per affrontare questo percorso negoziale – ha, inoltre, aggiunto la responsabile del Viminalenon può essere condiviso il concetto di ‘solidarietà obbligatoria, ma flessibile’».

«L’Europa, infatti, non può rinunciare a forme certe di solidarietà, quindi concrete ed efficaci, per garantire la gestione degli arrivi e la redistribuzione dei migranti sbarcati – ha, infine, concluso -. L’Unione europea si deve far garante, al termine delle procedure di controllo di sicurezza e sanitario, dell’effettivo trasferimento dei migranti con la loro redistribuzione negli Stati dell’Unione».