Nel primo disco live Nino Buonocore rivisita il suo eccellete repertorio in chiave jazz

Straordinario lavoro discografico in cui l’autore condensa tutto il bagaglio di esperienze maturate nel corso degli anni con grandi musicisti provenienti da ogni genere musicale

In realtà lo aveva già anticipato ai nostri microfoni in un’intervista realizzata dalla nostra Redazione lo scorso anno (clicca qui), in occasione del Settembre Rendese. «Uscirà un nuovo album registrato dal vivo» aveva annunciato l’artista napoletano. Il disco, infatti, dal titolo IN JAZZ, ormai presente sul mercato, è stato registrato il 27 Febbraio 2020 a Roma presso l’Auditorium Parco della Musica, e rappresenta il primo live in assoluto in oltre quarant’anni di carriera.

Si tratta di un vero e proprio capolavoro per raffinatezze strumentali ed interpretative. Le atmosfere jazz, in effetti, non sono affatto sfuocate grazie, soprattutto, ai suoni unplugged impiegati in fase di registrazione. D’altronde, anche nella cittadina calabrese, Buonocore e la sua band si sono fatti apprezzare per la capacità di rielaborare successi popolarissimi e di riproporli con fantastiche sonorità.

«Questo progetto – ha dichiarato l’autore – non vuole solo rappresentare tutta la libertà espressiva maturata in tanti anni di concerti, ma anche l’affermazione perentoria di un concetto di musica che ho sempre difeso e che oggi, grazie al meraviglioso apporto dei musicisti che mi hanno accompagnato, posso dire di aver finalmente realizzato compiutamente». La band è, così, formata: Nino Buonocore chitarra e voce, Antonio Fresa pianoforte, Antonio De Luise contrabbasso, Amedeo Ariano batteria, Flavio Boltro tromba e Max Ionata sax.