Nelle acque del tirreno cosentino la nave scuola Amerigo Vespucci

La nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare ha solcato le acque prospicenti la costa tirrenica di Paola e San Lucido. Nelle prime ore del mattino, infatti, è stato possibile mirare l’elegante imbarcazione che ha così reso così omaggio alla memoria del marinaio Giuseppe Carbonelli, cittadino di San Lucido che ha prestato proprio sull’Amerigo Vespucci, servizio nella campagna addestrativa del lontano 1976. Lo stesso Carbonelli, purtroppo, è deceduto lo scorso 24 Marzo, a causa del Covid-19. La presenza della nave, comunque, è una notizia importante, in quanto rinnova il rapporto indissolubile fra San Francesco di Paola ed i marinai. Ricordiamo a tal proposito che proprio nel 2018 è stato festeggiato il 75° Anniversario del Patronato del Santo Taumaturgo sulla Gente di Mare Italiana.

L’Amerigo Vespucci è l’unità più anziana in servizio presso la Marina Militare ed è stata interamente costruita ed allestita nel Regio Cantiere Navale di Castellamare di Stabia. Varata nel Febbraio del 1931 entrò in servizio come nave scuola il successivo 6 Giugno, aggiungendosi alla gemella Cristoforo Colombo, in realtà leggermente più piccola ma di 3 anni più anziana, costituendo con essa la Divisione Navi Scuola al comando dell’Ammiraglio Cavagnari. Al rientro dalla prima Campagna di Istruzione, ricevette a Genova la bandiera di combattimento, offerta dal Gruppo Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia.