4 settimane

I Campionati Europei di calcio sono appena iniziati e l’Italia ha già portato a casa una vittoria

Risultato importante contro l’Albania al Westfalen Stadion di Dortmund. In quello Stadio, dove peraltro l’Italia nel 2006 ha conquistato la Finale, poi vittoriosa, dei Campionati del Mondo, c’era anche un fotografo calabrese. Si tratta di Pasquale Golia originario di Cassano All’Ionio, esattamente, in provincia di Cosenza. I suoi scatti della gara fra Italia ed Albania hanno già fatto il giro d’Europa sulle varie testate giornalistiche.
Il photoreporter calabrese ha già raccontato 3 edizioni dei Giochi Olimpici, ma anche i Mondiali di calcio di Qatar 2022. Ma non è finita qui, fra qualche settimana Golia sarà anche l’unico calabrese alle Olimpiadi di Parigi 2024. Agli Europei 2024 il professionista fa parte di un numero ristretto di photoreporter italiani che seguiranno per tutta la ressegna gli azzurri di Luciano Spalletti. Pasquale segue da oltre 10 anni il grande sport internazionale, nonostante la giovane età. Vanta, infatti, un curriculum professionale di tutto rispetto.
Oltre alle Olimpiadi si è, quindi, cimentato anche 12 edizioni del Giro d’Italia e 3 edizioni del Tour de France. Di recente ha seguito la Nazionale italiana di calcio di Roberto Mancini nelle Qualificazioni Mondiali a Qatar 2022. Da 2 anni è photoreporter ufficiale della Lega Serie A e Serie B. Accreditato anche dalla UEFA per le gare delle Coppe europee di calcio. Pasquale Golia, infine, è autore di alcuni libri, in uno dei quali ha raccontato l’avventura di un cronista al Giro d’Italia.
«E’ stata un’emozione indescrivibile anche per me a Dortmund – ha, poi, spiegato il giornalista calabrese -. Bisognava mantenere la concentrazione per portare a casa scatti efficaci, ma sentire l’inno in quello Stadio che è storia per noi, è stato davvero bellissimo. Sono partito raccontando il calcio nella periferia calabrese, arrivando a raccontare la rappresentazione massima dello sport. Il merito, se così si può dire, è di aver creduto sempre nelle mie passioni»