2 mesi

Da domani Giovedì 9 a Lunedì 13 Maggio un evento che promette di essere un incontro di culture

Il Lingotto Fiere aprirà le sue porte a migliaia di appassionati, autori, editori e pensatori, confermando ancora una volta il ruolo di Torino come capitale culturale e letteraria. Il Salone del Libro di quest’anno si distingue per la sua programmazione eclettica e inclusiva. Gli eventi, infatti, spaziano dalle letture pubbliche ai dibattiti su temi d’attualità.
Fra gli incontri più attesi, il dialogo tra Salman Rushdie e Roberto Saviano, che promette di essere un momento di riflessione profonda sulla libertà di espressione e il potere delle parole, oltre alla lezione inaugurale di Elizabeth Strout, vincitrice del Premio Pulitzer per la raccolta di racconti Olive Kitteridge.
Il Salone, oltretutto, non è solo un’occasione per immergersi nella lettura, ma anche un’opportunità per i giovani di avvicinarsi al mondo dell’editoria. Vita immaginaria è il tema di questa edizione, tributo all’illustre opera di Natalia Ginzburg. «La vita immaginaria è il motore della creatività – ha dichiarato, intanto, Annalena Benini Direttrice editoriale del Salone -. Come afferma Natalia Ginzburg nel suo saggio eminente, in cui talvolta prefigura e decifra gli eventi della vita concreta. Questo Salone rende perciò omaggio all’immaginazione in tutte le sue forme».