I fichi cosentini trionfano sulla guida del “Gambero Rosso”

Sono cinque Aziende cosentine su sette (in totale) quelle produttrici di fichi secchi ed elencate dall’autorevole guida del Gambero Rosso. Infatti, nella provincia di Cosenza la lavorazione dei fichi essiccati al sole è un’antica tradizione che si tramanda addirittura dal XVI° secolo ed è fra le ricette più conosciute in assoluto, tant’è che quella delle cosiddette crucette primeggia sulle tavole natalizie ormai da lontane generazioni.

Le crocette di fichi non sono altro che fichi secchi incrociati tra loro appunto, da qui il loro nome. Di solito sono ripiene con gherigli di mandorle e scorzette di mandarino o cedro, infornate e cosparse di zucchero, se si vuole.

Un dolce antichissimo in Calabria, tipico della tradizione natalizia, ma che un tempo si preparava in autunno. Spesso, quando ancora non esistevano i frigoriferi e si aveva voglia di avere qualcosa di dolce da mangiare nel corso dell’anno, le massaie calabresi le conservavano in scatole di latta e le consumavano nel lungo inverno.

E’ possibile anche realizzare una specie di “nocchetta” con soli due fichi, da mangiare quasi in un sol boccone. Oggi diverse Aziende di settore si sono specializzate nel riprendere la tradizione culinaria calabrese, riscoprendo e reinterpretando con successo i prodotti ed i sapori tipici di questa terra.