Il cantante reggiano Matteo Setti reinterpreta Gringoire nel Notre-Dame de Paris

Uno dei più acclamati interpreti della spettacolare opera moderna Notre-dame de Paris torna sul palcoscenico con  La stella di Notre-dame. Si tratta del cantante reggiano Matteo Setti, noto al grande pubblico per la sua interpretazione di Gringoire.

Il poeta, il cui ruolo pare gli sia stato cucito addosso e la cui voce è suadente e potente nello stesso tempo, sarà infatti di scena nella serata di Venerdì 1 Febbraio alle ore 21:00 al Teatro Garden di Rende. Gringoire è il narratore della storia: colto, sagace, dall’indole profondamente romantica. Una figura sempre osannata da quanti, nel corso degli anni, hanno avuto modo di apprezzare l’opera scritta da Luc Plamondon e messa in musica da Riccardo Cocciante.

Alla domanda: «Come sarà questa volta il personaggio in scena?», il cantante-attore risponde così: «Sarà un Gringoire maturo, più attento nel dosare e usare le sfumature artistiche. Voce e gesto da palco, riflessione del personaggio; chi è oggi Matteo? Oggi non ha più 30 anni, ma 43, ed è ancora più assetato di bellezza, di scoprire ancora più a fondo cosa c’è oltre la platea. Vi sono uomini e donne come me, quindi sarò ancora più sincero nel vendere le sue peculiarità artistiche».