10 mesi

Nato a El Paso nel 1994 da madre italiana (Viviana Masini) e padre texano, l’atleta azzurro compie una vera e propria impresa. Dopo la prima finale per un italiano, arriva anche l’oro a consacrarlo fra i grandi velocisti olimpici con un fantastico 9”80

Subito dopo la vittoria di uno splendido Gianmarco Tamberi con la conquista dell’oro nel salto in alto, l’atleta italiano si è posizionato sulla linea di partenza dei 100 metri consapevole di avere nelle gambe quella forza esplosiva da tentare una delle imprese più folli nella storia dell’atletica. Ebbene, Marcell Jacobs ce l’ha fatta e si è capito da subito, già nel primo tratto della pista, quando la sua incredibile velocità lo ha proiettato verso il traguardo con la sicurezza dell’autentico campione.
Questo 1 Agosto 2021, dunque, rappresenta un giorno memorabile per l’Italia che eguaglia a sensazioni l’indimenticabile impresa del mitico Pietro Mennea. Una vittoria leggendaria che lascia un segno indelebile nel palmares di questa competizione. Ieri, nelle batterie della semifinale, la prestazione dell’azzurro gli era valso il primato europeo. Oggi, Jacobs è l’uomo più veloce del mondo.
Figlio di un militare americano in servizio alla base di Vicenza, la madre Viviana, invece italiana, Marcell ha comunque lasciato presto il Texas dopo la separazione dei genitori, crescendo a Desenzano sul Garda, in provincia di Brescia. All’età di dieci anni ha iniziato a praticare l’atletica leggera, mettendosi in luce nella corsa e nel salto in lungo. Ha poi vissuto a Gorizia e ora abita a Roma insieme alla compagna Nicole ed ai suoi figli.