7 mesi

E’ uno dei monumenti più celebri e conosciuto d’Italia in tutto il mondo

Sorge in Piazza dei Miracoli, nella piccola e caratteristica cittadina Toscana. La sua pendenza ha reso la Torre una vera icona a livello mondiale. Non c’è turista, infatti, che una volta giunto a Pisa non si diverta a fotografarla da tutte le angolazioni, anche per i numerosi tentativi da parte dei visitatori di ‘sorreggerla’ in modi del tutto originali.
La storia racconta che le fondazioni vennero lasciate a riposo per un anno intero. La Torre ha iniziato ad inclinarsi sin dalla costruzione, tuttavia in seguito è stato possibile stabilizzarne il livello di obliquità. Alcuni studi attribuiscono la paternità del progetto all’architetto pisano Diotisalvi, che nello stesso periodo stava costruendo il Battistero. La costruzione, comunque, fu fermata durante l’inizio del terzo anello.
I lavori ripresero nel 1275, aggiungendo alla costruzione precedente altri 3 piani. L’inclinazione pare sia dovuta alla presenza di una notevole quantità di acqua sotterranea che ha reso cedevole il terreno, tant’è che alcuni saggi effettuati nel sottosuolo durante i lavori di restauro portarono a questa conclusione. Sebbene sia la più famosa, il Campanile di Santa Maria Assunta non è l’unica Torre pendente in città.
Il segreto che si nasconde dietro la sua stabilità è stato scoperto da un gruppo di ricercatori guidati da Camillo Nuti dell’Università Roma 3. La Torre, dell’altezza di 58 metri complessivi, avrebbe subito un’inclinazione di gradi, che ha portato ad uno spostamento della sommità di più di 5 metri. Ciononostante, essa ha resistito ad almeno 4 forti terremoti registrati dal 1280 ad oggi. La cosa interessante è che il terreno che ha consentito alla Torre di inclinarsi, allo stesso tempo, ha fatto si che resistesse agli eventi sismici.