La Regione Calabria vaccina i propri dipendenti e migliora sui dati generali

Le vaccinazioni del personale sono iniziate lo scorso 18 Maggio con l’apertura di un sito straordinario nelle Sale della Cittadella regionale. Sui dati generali, invece, la Calabria fa meglio di Lazio e Valle D’Aosta

La Regione Calabria è la prima Pubblica Amministrazione italiana ad aver vaccinato con la prima dose i propri dipendenti. Si è concluso, infatti, un primo step che ha coinvolto 688 lavoratori, le cui adesioni sono state su base volontaria. Le operazioni si sono avvalse del supporto del medico competente della Regione, della Protezione Civile e della Croce Rossa. La seconda dose è prevista fra l’ultima settimana di Giugno e i primi giorni di Luglio.

Intanto, dopo il preoccupante ritardo accumulato nella fase iniziale, procede ora a ritmi spediti la campagna vaccinale su tutto il territorio. «C’è ancora tanto, tantissimo da fare – ha dichiarato il Presidente Spirlì, ma gli ultimi dati sono più che incoraggianti e confermano che, dopo un inizio certamente complicato, siamo riusciti a ingranare le marce alte e a somministrare ai calabresi circa 930 mila dosi di siero, pari al 92,7% di quelle consegnate».

«Non è una gara fra regioni e siamo consapevoli – ha, infine, concluso il Governatoreche i risultati sono il frutto di un lavoro quotidiano che non consente di abbassare la guardia, ma è anche giusto rendere merito a chi, in Calabria, da mesi si impegna per garantire la vaccinazione anti-Covid al maggior numero di cittadini possibile».